Stato al 26.06.2020

  • Situazione generale
  • Ritorno alla normalità… o quasi
  • Piano di protezione
  • Informazioni e domande

Situazione generale

Considerata l’ulteriore riduzione del numero di casi di COVID-19, il 19 giugno 2020 il Consiglio federale ha deciso di revocare la situazione straordinaria (ora situazione speciale, art. 6 della legge sulle epidemie). Dal 22 giugno 2020, le misure di lotta contro il nuovo coronavirus sono state quindi in gran parte abolite. Anche le regole di base per tutti e le indicazioni relative ai piani di protezione sono state notevolmente semplificate.

Informazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica

Ordinanza 19.06.2020

Ritorno alla normalità… o quasi

L’ulteriore allentamento a partire dal 22 giugno 2020 porta nuove e significative opportunità per l’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù. Sebbene le misure sulla distanza, l’igiene e la tracciabilità continueranno ad essere applicate, in generale le regole sono state semplificate. Il DOJ rimane in discussione con l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) per le implicazioni concrete delle misure per l’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù.

Il più importante a colpo d’occhio

Principi

  • Protezione attraverso la responsabilità da parte della popolazione.
  • Gli organizzatori valutano le misure di protezione nel contesto e prendono decisioni sotto la propria responsabilità nel rispetto delle regole di base.
  • La tracciabilità rimane importante e in primo piano.
  • Le regole di igiene e di distanza sono ancora valide.

In particolare

  • Eventi: Il divieto di riunirsi in luoghi pubblici è stato revocato e sono nuovamente consentite manifestazioni fino a 1000 persone (probabilmente a partire da settembre 2020 anche eventi più grandi).
  • Piani di protezione: Tutti i luoghi aperti al pubblico, quindi anche le offerte dell’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù devono avere un concetto di protezione. Le autorità applicano ora gli stessi requisiti a tutti i concetti; non esistono più piani di protezione modello o regole specifiche per determinate categorie di aziende, eventi o istituzioni educative.
  • Nuove regole di distanza: 1,5 m tra le persone. Non c’è più alcuna differenziazione tra le fasce d’età nelle offerte dell’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù.
  • Ogni organizzazione decide, a seconda dell’occasione e dell’attività, se la distanza può essere mantenuta o meno e se le misure di protezione possono essere rispettate.
  • Se non è possibile rispettare la distanza e le misure di protezione (maschere protettive, pannelli in plexiglas), è necessario conservare gli elenchi delle persone presenti e metterli a disposizione per la ricerca di contatti (14 giorni, responsabilità dei medici cantonali).
  • Il funzionamento del chiosco/bar e cucinare/mangiare in comune è possibile nel rispetto del concetto di protezione Gastrosuisse.
  • Informazione: tutte le persone presenti devono essere informati se non vengono prese misure di protezione e di distanza. Ciò significa che se si verifica un caso positivo, tutte le persone di contatto devono essere messe in quarantena. Devono inoltre essere informati sulla raccolta dei dati di contatto. La responsabilità è delle organizzazioni.
  • Niente più raccomandazioni per l’home office, la decisione spetta al datore di lavoro.
  • I dipendenti particolarmente vulnerabili possono lavorare di nuovo sul posto, ma devono essere protetti dal datore di lavoro. Si applica il diritto del lavoro.
  • Le attività dell’associazione, con membri conosciuti, ad esempio una riunione nei locali dell’associazione, sono considerate eventi privati. Non è necessario tenere elenchi.

Norme igieniche e di distanza

  • Mantenere una distanza di 1,5 m.
  • Lavare accuratamente le mani.
  • Tossire e starnutire nell’incavo del braccio.
  • Proteggere le persone particolarmente vulnerabili.

Regole dell’UFSP

Piano di protezione

Il DOJ ha adattato di conseguenza il piano di protezione disponibile qui sotto.

Piano di protezione DOJ (23.06.2020)

Vi preghiamo di prendere nota:

  • Questo piano di protezione è solo una raccomandazione, non è quindi giuridicamente vincolante.
  • La verifica di plausibilità da parte delle suddette autorità non equivale ad un’approvazione.
  • Il piano di protezione contiene i requisiti legali obbligatori del governo federale e le raccomandazioni del DOJ riguardo all’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù.
  • Sono possibili eventuali ulteriori direttive da parte del Cantone, che i servizi specializzati dell’animazione socioculturale dell’infanzia e della gioventù dovranno chiarire  presso le autorità competenti.
  • Un aggiornamento da parte del DOJ sulla base delle nuove informazioni fornite dalle autorità è possibile in qualsiasi momento.
  • Per la riapertura delle attività è necessaria un piano di protezione proprio, che può essere basato sulla strategia di protezione DOJ.

Altri aiuti e link utili

Per le colonie: Opusculo Infovacanze 2020

Nota sulla definizione delle priorità delle misure COVID-19

Questioni legate al diritto del lavoro

Ulteriori informazioni sono consultabili presso l’oordinanza federale 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus.

Informazioni e domande

In caso di domande, i centri di animazione socioculturale per l’infanzia e la gioventù sono pregati di contattare le autorità comunali o cantonali, mentre i dipendenti dell’animazione socioculturale sono pregati d’informarsi presso i loro superiori/commitenti.

Campagna “Ci proteggiamo così”

Misure, direttive e raccomandazioni del Governo federale (UFSP)

Ticino: informazioni, Giovanimazione/cantone

Contattare l’ufficio del DOJ: Mail

Foto: Ricardo Resende on Unsplash

Pin It on Pinterest